Errori che rallentano il metabolismo

  • 12 Marzo 2019
  • Tonia Schipani
  • Nutrizione
  • 1
  • 557 Views

Dopo l’articolo sul metabolismo molte persone mi hanno scritto per lamentarsi di avere un metabolismo troppo lento dando quindi la colpa a questa condizione del proprio peso bloccato. La frase tipica in questo caso è : “Mangio poco eppure ingrasso a vista d’occhio”. Ed è per questo che ora vediamo nel dettaglio gli errori che lo fanno impigrire.

 

MANGIARE POCO A COLAZIONE

La colazione non è un’opzione, ma un imperativo per chi desidera un metabolismo ben funzionante. È importantissimo fornire all’organismo tutti i nutrienti di cui ha bisogno (carboidrati, proteine, fibre e grassi), per iniziare la giornata con la carica giusta. Se non lo facciamo, il metabolismo partirà sotto tono e sarà più lento per tutto il giorno. Di sicuro ci sentiremo stanchi e saremo più soggetti ad attacchi di fame per reintegrare le energie.

L’abitudine di mangiare cappuccino e cornetto non fa bene al metabolismo e dà solo una temporanea sensazione di sazietà. Infatti l’eccesso di grassi e zuccheri fa restare bassa la leptina, l’ormone della sazietà, facendo impennare invece l’insulina, con il risultato che dopo un paio d’ore si avrà di nuovo fame. E per giunta di cibi dolci.

 

SALTARE I PASTI

Molti credono che sia una buona idea saltare il pasto che segue un pranzo o una cena in cui abbiamo “stramangiato”. In questo modo, però, non si fa che dissestare il metabolismo che accenderà la fame e si disporrà ad assimilare tutto quello che mangeremo, anche se light.

Meglio, invece, depurarsi dagli eccessi del giorno precedente con un pasto leggero, che contenga tante fibre, liquidi e proteine magre, per rimettersi in riga con le calorie, ma senza provocare danni al metabolismo. Insomma la regola d’oro è mangiare poco e spesso. Per mantenere il metabolismo attivo è consigliabile fare più pasti giornalieri, ben cadenzati fra loro. Così l’organismo si convince che sta vivendo una fase di abbondanza e induce il metabolismo ad attivarsi più spesso.

 

REGIME CALORICO TROPPO RESTRITTIVO

Molti credono che per dimagrire basta mettersi a stecchetto per una settimana, consumando solo insalate o verdure lesse. Purtroppo non è così ma, soprattutto, non c’è nulla di più sbagliato. Un regime calorico troppo restrittivo solo apparentemente ha effetti dimagranti. Quando si riprende a mangiare normalmente, infatti, il metabolismo sarà dissestato dal digiuno ed il corpo sarà portato ad assimilare tutto ciò che può. In questo modo si recupereranno immediatamente i chili persi.

 

BERE TROPPO POCO

C’è chi pensa di bere meno, perché i liquidi “pesano” e fanno alzare l’ago della bilancia. Niente di più sbagliato! L’acqua, infatti, non solo è necessaria per depurare i tessuti di tutto l’organismo dalle scorie che creano infiammazione e ritenzione idrica nei tessuti adiposo, ostacolando il dimagrimento, ma è una specie di “benzina” per il metabolismo. Un’idratazione costante durante tutto il giorno lo accelera e lo mantiene costantemente attivo. Tenere idratato l’organismo fa dimagrire, perché fa volare il metabolismo, innesca processi di depurazione e alleggerisce tutti i tessuti dalle scorie ingrassato, con un effetto sgonfiante subito visibile.

One Response to the post:

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.