Trova e Coltiva il tuo Talento

Nei giorni scorsi mi è capitato di discutere con un gruppo di imprenditori, che non comprendeva bene, come alcuni collaboratori, pur possedendone le risorse (talenti) ed offrendo loro tutti i mezzi necessari ad ottenere buoni risultati, si limitassero al minimo indispensabile.

Un’osservazione in cui mi sono imbattuto spesso in questi anni, in qualunque settore del business o dello sport.

Come fanno allora i grandi campioni di ogni disciplina sportiva a ottenere risultati a volte superiori alle loro stesse aspettative?

Mi riferisco all’ambito sportivo perchè è quello più facilmente identificabile da milioni di persone per quanto riguarda il Talento.

Come sfruttare, questo “dono” di cui tutti, in maniera diversa, siamo impregnati e soprattutto… come non sprecarlo?

Se mi concentro sulla mia esperienza calcistica, provo sensazioni estremamente belle ma nel contempo anche di grande disagio.

Questo avveniva, ricordo bene, quando l’allenatore di quel particolare momento o annata pretendeva, in modo anche non propriamente “gentile”, di farmi migliorare in quelle caratteristiche su cui proprio non eccellevo.

Mi spiego. Io calciavo solo con il piede destro (il piede sinistro, scherzavano un pò tutti, mi serviva solo per scendere dall’auto ) ed ero piuttosto lento nei movimenti brevi.

E per anni mi sono sentito ripetere, -ne capisco comunque l’intenzione positiva-, che dovevo imparare a calciare anche con il piede sinistro (m’impiegavano a sinistra per sfruttare il buon tiro di destro…ma i cross???), che dovevo diventare più rapido nei movimenti brevi, che dovevo e potevo, che avrei dovuto e che avrei potuto

Devi e puoi” in quel contesto mi hanno spesso messo a disagio…e forse sono stati uno dei motivi principali allontanamento dal campo da gioco.

Per molto tempo mi ero autoconvinto comunque della bontà di queste insistenze e giustificavo il fatto di sentirmi a disagio con la necessità di dover imparare quello che purtroppo non riuscivo a fare bene e che non mi veniva naturale.

E’ solo nel corso degli anni, per mezzo di esperienze diverse, conoscendo tante persone, e maturando “vissuti” con manager di svariato tipo nel mondo del lavoro, che pian piano si è fatta strada dentro di me la domanda:

Perchè non focalizzarci sul “dono”, sul Talento, invece che perder tempo cercando di far diventare le persone ciò che non possono diventare?

E si, perchè io alla fine, nonostante gli anni e gli allenatori passati, non ho imparato a calciare con il piede sinistro e non sono nemmeno diventato più rapido nei movimenti brevi…

Ancora adesso vedo persone ricche di potenzialità che non vengono pienamente attivate.

E a queste stesse persone, invece viene chiesto costantemente di lavorare e sacrificarsi per migliorare le caratteristiche su cui non eccellono.

Perchè?

Perchè  cercare di diventare  quello che non si può e non si è,  e non si focalizza invece l’attenzione  sul cercare di portare il Talento e il Dono al massimo dei livelli possibili?

Mi rendo conto di dare una prospettiva particolare al tema, rispetto a quello che si legge o che viene dichiarato normalmente, ma pensa un po’, ci vuole tanto tempo e tanto impegno per ottenere un piccolo miglioramento, lavorando su un “non talento” che al massimo ti renderà un po’ meno mediocre di prima…, non vale di più la pena, d’impegnarsi a far diventare più che eccellente, una cosa che sai già far bene, che diventa il tuo elemento distintivo e quella peculiarità in cui poter fare veramente la differenza?

Credo sarebbe una gran bella cosa e un gran balzo in avanti per tutti se ognuno di noi potesse trasformare la sua vita in base al Talento che gli è stato donato.

Altra questione poi è riuscire a rispondere alla fatidica domanda:

Ma qual’è il mio Talento?

Qual’è il mio Dono?

 

Il mio consiglio quindi è: trova il tuo Talento, rispettalo e usalo al meglio perché come ha scritto l’ex campionessa del mondo Janica Kostelic sul suo casco da gara: “Il tuo Talento è un dono di Dio! Quello che tu fai di esso, è il dono che tu restituisci a Dio”.                            

 

Buona Competizione e Buona Vita

4 Responses to the post:

  • [url=https://capitalstroy77.ru/cup-lock/]Аренда опалубки Каплок[/url]

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.